SECONDA USCITA POST ERNIA

Eccomi qui con la mia seconda uscita post-ernia. 
Fatti ben 2 km!! Un po' di più quindi dei 200 mt che avrei dovuto fare secondo copione. Sinceramente non me la sono sentita di rientrare dopo appena un minuto di corsa. E' per così dire alienante nonchè moralmente avvilente anche se sai che stai seguendo un progamma medico. E così me ne son fregato altamente e ho deciso di trasgredire e di proseguire un po'. Spero di non pagarne le conseguenze tra qualche giorno. 
D'altra parte ho fatto anch'io il solito errore che fanno in tanti in queste situazioni e cioè sentire l'opinione di vari medici. Ognuno ha la sua verità e il paziente non capisce più nulla. Tanto per farvi alcuni esempi:
Osteopata: hai una dismetria agli arti inferiori;
Fisioterapista: non hai alcuna dismetria agli arti inferiori e se anche tu ce l'avessi non è quella che ti ha causato l'ernia.
Osteopata: Ti consiglilo, prima di ricominciare a correre, farti fare dei plantari che nel tuo caso possono aiutarti.
Fisioterapista: I plantari? perchè? hai dei problemi ai piedi? I plantari te li ordinerei se tu avessi dei problemi ai piedi altrimenti servono solo a chi li produce.
Osteopata: Ti conviene aspettare la prossima primavera per iniziare a correre.
Fisioterapista: Adesso puoi iniziare a correre ovviamente inizia facendo 100 metri e vedi come va e poi caso mai aumenti.
Fa ridere ma è proprio questa la situazione in cui mi trovo. La miglior cosa è quindi tirare le somme seguendo chi mi ispira più fiducia ed è stato più convincente. Non ho ancora sentito altri esperti del settore perchè sappiamo che esiste l' ortopedico, il fisiatra, il medico sportivo. Mi piacerebbe proprio fare un giro anche da loro e sentire altri pareri, ma sinceramente non vorrei che mi facessero più confusione di quella che ho già.


Posta un commento