COLFRANCULANA 2014

Continua, la tradizionale gita fuori porta della domenica. Destinazione di oggi Colfrancui di Oderzo dove si svolgeva la Cofranculana 2014.
Tre erano i percorsi a nostra disposizione: 6, 11 e 21 km. Dato lo scarso allenamento di questi giorni (l'ultima gara risale ai primi di maggio ed era di 10 km),  ho scelto il percorso da 11 km. Urbano e Gabriele (miei compagni di viaggio) hanno invece affrontato il percorso più impegnativo da 21 km.
Una volta iscritti, fatto un po' di riscaldamento, abbiamo atteso che lo speaker, abile e simpatico nell'intrattenerci sotto il gonfiabile, desse il via.
Il percorso era quasi interamente sterrato quindi per me, che sono abituato all'asfalto o al massimo ai ponti di Venezia, è stata un po' più dura del solito. Ho comunque concluso il tutto in 55 minuti.

All'arrivo ho scoperto piacevolmente sorpreso che l'amico Urbano sarebbe salito sul podio essendo arrivato quarto; anche Gabriele avrebbe avuto la possibilità di salire sul podio ma (ahimè) si è perso in mezzo alla campagna! Stava andando benissimo, era tra i primi anche lui ma, chiaccherando con un amico, non si è accorto di un segnale .... (e poi dicono che sono le donne a perdersi in ciacole!). Sia io che Urbano eravamo molto dispiaciuti per il nostro amico che vi propongo immortalato sul trenino del people mover più sconsolato che mai!
A farci comunque dimenticare subito l'incidente di percorso è stato però un ristoro finale da fare invidia ad un ristorante a cinque stelle. 
Oltre all' immancabile frutta e alle fette di torta, si potevano gustare dei "cicchetti" fatti di pane con acciughe aglio e prezzemolo; poco più in là un profumo di carne alla brace ti avvertiva che dovevi affrettarti per non rimanere senza. Si era infatti già formata una mega coda di "morti-de-fame" pronti a scannare alette di pollo e wurstel. Naturalmente ho fatto più di un giro e me ne sono tornato a casa con la pancia piena.
Arrivati a Venezia non rimaneva che festeggiare Urbano; ci siamo calati nel primo baretto e abbiamo brindato al successo odierno e ai successi futuri del nostro amico con una birra.

Posta un commento