PROGRESSIVO DI 12 KM



Sto seguendo da un po' di tempo la Tabella Speciani per prepararmi per la mitica maratona di Roma dove ho come obiettivo 3h45. Avendo appena fatto 3h53 a Firenze spero di farcela in questo mio obiettivo. 
Finora sono riuscito a seguirla abbastanza rigorosamente, a parte la settimana di riposo (dovuta direi) post Maratona di Firenze e 2 giorni la scorsa settimana di una semi-influenza del cavolo che mi ha provocato solo un po' di mal di stomaco e stanchezza.
L'allenamento di oggi prevedeva un progressivo di 4x3000 al ritmo di 6'6" - 5'34" - 5'12" - 4'47".
Dopo un po' di titubanza dovuta alla pioggia, memore di quella presa a Firenze, sono uscito lo stesso equipaggiandomi  come si deve. Il ritmo l'ho rispettato abbastanza anche se è una gran rottura dover guardare il Garmin ogni tre secondi. Ben vengano i lunghi!! Il ritmo dei primi tre chilometri, può sembrare una caffonata quella che sto per dire, non riuscivo a rispettarlo perchè mi veniva istintivo andare più veloce, forse anche per la pioggia che mi invogliava a correre come per evitarla. Ero preoccupato ovviamente per gli ultimi 3 chilometri dove era previsto 4'47 ma con mia grande soddisfazione ci sono riuscito ad andare abbastanza vicino. Ho notato però che è assai difficile mantenere un ritmo predefinito; sinceramente non so come fanno certi a rispettare perfettamente rtimo e tempo. Io ci sono andato vicino. Ma come fate?
Va beh per ora continuiamo così e speriamo che tutto vada bene e che frutti qualcosa. Intanto il 2 gennaio ho una mezza a Cittadella e poi a febbraio ci vediamo a Verona.


Posta un commento